19
19
Enrico Castellani
SUPERFICIE BIANCA
SIGNED, TITLED AND DATED 1989 ON THE STRETCHER, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS THIS WORK IS REGISTERED IN THE ARCHIVE OF FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN, UNDER NUMBER 89-003 AND IT IS ACCOMPANIED BY A PHOTO-CERTIFICATE ISSUED BY THE ARCHIVE OF THE FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN
JUMP TO LOT
19
Enrico Castellani
SUPERFICIE BIANCA
SIGNED, TITLED AND DATED 1989 ON THE STRETCHER, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS THIS WORK IS REGISTERED IN THE ARCHIVE OF FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN, UNDER NUMBER 89-003 AND IT IS ACCOMPANIED BY A PHOTO-CERTIFICATE ISSUED BY THE ARCHIVE OF THE FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN
JUMP TO LOT

Details & Cataloguing

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan

Enrico Castellani
N. 1930
SUPERFICIE BIANCA
SIGNED, TITLED AND DATED 1989 ON THE STRETCHER, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS THIS WORK IS REGISTERED IN THE ARCHIVE OF FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN, UNDER NUMBER 89-003 AND IT IS ACCOMPANIED BY A PHOTO-CERTIFICATE ISSUED BY THE ARCHIVE OF THE FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI, MILAN
firmato, intitolato e datato 1989 sul telaio
acrilico su tela estroflessa
cm 100x100
Read Condition Report Read Condition Report

Opera registrata presso l'Archivio della Fondazione Enrico Castellani, Milano, con il n. 89- 003

L'opera è accompagnata da certificato su fotografia rilasciato dall'Archivio della Fondazione Enrico Castellani, Milano

Provenance

Galleria Plurima, Udine
Ivi acquistato dall'attuale proprietario nei primi anni Novanta

Exhibited

Udine, Galleria Plurima, Castellani, Dorazio, 1989

Literature

Renata Wirz con Federico Sardella, Enrico Castellani Catalogo ragionato Tomo Secondo Opere 1955-2005, Milano 2012, p. 493, n. 645, illustrato

Catalogue Note

"Tutto questo processo di coscienza pittorica, senza soggetto, è tuttavia basato su un'entità: la luce. Questa illumina i rilievi, crea ombre e riflessi, appiattisce ed esalta le superfici, dà quindi esistenza al dipinto. Di conseguenza, non poteva mancare un avvicinarsi graduale di Castellani al suo splendore, attraverso il colore assoluto, il bianco che irradia, scivola e unifica le superfici e al tempo stesso funziona da registro di piena libertà. Si dilata e provoca negli elementi irradiati una modulazione di luce che porta con sé il piacere tanto della variabilità dell'ombra, quanto della luminosità pura. Ma il bianco non è soltanto luce assoluta per Castellani; esso concretizza 'una superficie bianca, vuota, è ciò che di più astratto si possa immaginare' (Castellani, 1982). In aggiunta il bianco è identità della tela allo stato primario, prototipo del nulla e del vuoto: 'la superficie diventa sempre più bianca, insomma il limite sarebbe stato la superficie non toccata'.
Il bianco è un non-colore, non offusca o filtra la luce, come i rossi o i blu, ma la esalta, per cui inevitabilmente emergerà come cromatismo vincente".

“All this process of pictorial conscience, without subject, is nevertheless based on an entity: the light. This illuminates the reliefs, it creates shadows and reflections, it flattens and exalts the surfaces, it thus gives existence to the painting. Consequently, a gradual approach by Castellani to its splendour could not be missing, through the absolute colour, the white that irradiates, slithers and unites the surfaces and at the same time acts as a register of full freedom. It dilates and provokes in the irradiated elements a modulation of light that brings with it a pleasure much of the variability of the shadow, as of the pure lightness. But white isn’t only absolute light for Castellani; it concretizes ‘a white, blank surface, it is what is more abstract can be found’ (Castellani, 1982). In addition, white is the identity of the canvas at the primary state, prototype of the nothing and the void: ‘the surface becomes increasingly white, thus the limit would have been the untouched surface’. White is a non-colour, it doesn’t obfuscate or filtrate the light, such as the reds and blues, but exalts it, so it will inevitably emerge as a winning chromaticism”.

(Germano Celant, Dietro il quadro: Enrico Castellani, in Enrico Castellani, Milano 2001, pp. 16-17)

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan