24
24

PROPERTY FROM THE BOURBON PARMA FAMILY

An important pair of Royal portrait gold-ground porcelain armorial vases, the porcelain Paris, the decoration Naples, attributed to Raffaele Giovine
前往
24

PROPERTY FROM THE BOURBON PARMA FAMILY

An important pair of Royal portrait gold-ground porcelain armorial vases, the porcelain Paris, the decoration Naples, attributed to Raffaele Giovine
前往

拍品詳情

Royal & Noble

|
倫敦

An important pair of Royal portrait gold-ground porcelain armorial vases, the porcelain Paris, the decoration Naples, attributed to Raffaele Giovine
ovoid with winged caryatid handles surmounted by baskets of fruit and terminating in acanthus, painted with portraits of Francesco I of the Two Sicilies and Maria Isabella of Spain, surrounded by portraits of ten of their children, the central panels reserved with tooled gilt coats-of-arms of each house, crowned and suspending orders, below smaller cartouches reserved with the crowned initials of the children between  berried laurel branches, the gilding with raised seeded ornament, the matt-gilt ground with raised and tooled leaf, star-burst, urn and wheat ornament, the shoulders with burnished gilt reserved with matt oak branches, the lower part with a band of stiff leaves, on square feet  with fleur-de-lys suspending swags of flowers, above confirming marble bases, vase with portrait of Francesco repaired to one handle and cracked to body, the lower part with some areas of repair, rubbing to gilding
64cm. high, 25¼ in.
circa 1827
參閱狀況報告 參閱狀況報告

相關資料

This rare pair of Royal portrait vases were almost certainly made by Nast of Paris and decorated in Naples with portraits of King Francesco I of Bourbon and his second wife, Marie Isabella, Infanta of Spain, surrounded by portraits of ten of their children.  The fine miniatures share characteristics of other portraits of Royal sitters signed by Raffaele Giovine, such as the sfumato background of grey clouds.  The portraits, coats of arms and crowned initials are reserved against a ground of matt and burnished gilt with raised and tooled ornament almost certainly by Salvatore de Mauro, a craftsman from the Real Fabbrica Ferdinandea and close collaborator of Giovine.

From the archives we know that Maria Isabella commissioned Raffaele Giovine to create objects decorated with portraits of her children to present to her husband, a great admirer of Giovine’s work. This custom had been established by Francesco I whilst still Crown Prince, to mark San Ferdinando’s Day with gifts specifically created to commemorate Fernandino I (formerly IV).  These objects were imbued with complex symbolic meanings which were also expressed through texts and affectionate rhymes inscribed to the reverse of vases which are currently housed in the Palazzo di Capodimonte.  This tradition was continued by Maria Isabella after Ferdinando’s death.  Evidence to support this is seen in the musical centerpiece in the Museo di Capodimonte (which appears in the post-mortem inventory of Francesco I in his private rooms in “Stipo n. 21”) [1] – see illustration.  This elaborate centrepiece in Paris porcelain, gilt-bronze and wood is reserved with named portraits on a ground simulating malachite; the portraits are almost certainly by the same hand as the present pair of vases.  Examination of the same inventory reveals the existence of another pair of amphora-shaped vases with column handles which also belonged to Francesco I.  These are currently housed in the Royal Palace of Caserta and are decorated with portraits of the Royal couple and ten of their twelve children [2] reserved against elaborate tooled gilt bouquets of flowers on a mottled blue ground, also reminiscent of the present vases.  The inventory reveals that these miniatures were executed by Giovanni Varriale, an artist we know because he received an award for this work from the Esposizione di Belle Arti.

According to custom, the Royal commissions followed a specific course; the Queen would make her request to the Capo di Real Tapperzzeria (Head of the Royal Tapestry Works) who would in turn pass the order on to the resident architect (Antonio Niccolini and Pietro Bianchi at this time).  The architect would then commission the most suitable artist to carry out the work and supervise its execution.  It was usually Raffaele Giovine who would be commissioned for this finial stage.  Whilst he was not the most famous Neapolitan miniaturist at the time, he was a skilled entrepreneur.  From this business card we know he was Incaricato degli Argenti di S. M. Il Re delled due Sicilie (Head of Silver for H.M. The King of the Two Sicilies).  In this position as a Neapolitan Marchand Mercier he could surround himself with the best local painters, sculptors and ébénistes.

The vase featuring Francesco I

The King’s portrait is based on an original used by Giovine and his close collaborators; the King wears the uniform and highest orders and honours of the Kingdom, recognisable among them the Toson d’oro, the badge of the Constantinian Order and the insignia of San Giorgio and San Gennaro.  On the neck of the vase is a portrait of Francesco I’s daughter, Maria Carolina (1798-1870), from his first marriage to Maria Clementina of Habsburg, later duchesse de Berry.  The central medallion is surrounded by four portraits of the Royal children. Carlo, Prince of Capua (1811-1862), whose temperament was the closest to his mother’s, who after falling in love with the Irish beauty Penelope Smyth was forbidden to marry by his brother Ferdinand II.  Defying his brother’s dictate the couple eloped to Gretna Green to marry.  The next is a portrait of Antonietta (1814-1898) who married the Grand Duke of Tuscany, reinforcing through marriage the bonds between the houses of Habsburg and Bourbon.  The third portrait depicts the youngest child, Antonio, Count of Lecce (1816-1843), still dressed in bourgeois clothes but with the three emblems of the House of Bourbon.  Intemperate and immoral, he died young after a confrontation with the jealous husband of a woman he had tried to seduce.  The fourth medallion portrays Cristina (1806-1878) who became the fourth wife of Ferdinand VII of Spain.  She convinced her husband to repeal the Salic law in order to allow her daughter, Isabella II to become Queen above his brother, Carlos resulting in the Carlist civil war.

Vase featuring Maria Isabella

The Queen is depicted frontally from a prototype portrait often used on porcelain.  She wears the Austrian Star Cross (an order reserved for female members of the Naples Royal family) pinned to her left shoulder.  In a prominent position to the neck of the vase is a portrait of the Crown Prince, the future Ferdinando II (1810-1859).  He was, undoubtedly the most gifted of Francesco I’s progeny and much loved by his father.  Following Francesco I’s succession in 1825, Ferdinando was awarded the most prestigious offices, in particular in the military field.  Ferdinando II married Maria Cristina of Savoy and from this marriage had Francesco, the unfortunate future King who would be forced to abdicate by Garibaldi and his army during the Siege of Gaeta.  Ferdinando II later married Maria Theresa of Hapsburg and this second marriage was blessed with numerous children.  The main portrait medallion is also surrounded by four further portraits of the Royal princes and princesses.  Leopoldo, Count of Syracuse (1813-1860), the most fascinating and spirited of Francesco’s descendants, he was handsome and charismatic.  The second miniature shows Maria Carolina (1820-1861) who married Infante Carlo Luigi di Borbone-Spagna, Conte di Montemolin and the third shows Teresina (1822-1889), the sad and unloved wife of the Emperor of Brazil, Pedro II.  The last medallion shows Amalia (1816-1832), who, as was the family custom, married a cousin, Sébastian Gabriel, Infante of Spain and Portugal.

For additional related portrait was and items featuring portraits of the Bourbon family currently preserved in the Museo di Capodimonte see A. Caròla-Perrotti, Le Porcellana napoletane dell’Ottocento, Naples, 1990, part II, “Il decorator di porcellane estere e le committenze reali tra il 1820 e il 1840”.

Catalogue note by Angela Caròla-Perrotti

[1] Angela Caròla-Perrotti, Le Porcellane napoletane dell’Ottocento,1807-1860, Naples, 1990, no. 140a-o.

[2] Angela Caròla-Perrotti, op. cit,, no, 130-131.

La rara coppia di vasi, in porcellana probabilmente di Nast, dalle anse modellate a forma di Vittoria Alata e montati su di una base squadrata in marmo “Portoro”, portano al centro dei rispettivi lati  frontali i ritratti di re Francesco I  di Borbone e della sua seconda moglie Maria Isabella Infanta di Spagna racchiusi in riserve ovali. All’intorno in dieci riserve di minori dimensioni sono riprodotti i ritratti di parte dei loro figli. Le miniature di raffinata qualità presentano tutte le caratteristiche pittoriche riscontrabili in altri ritratti della medesima famiglia reale firmati da Raffaele Giovine, ad esempio il fondo sfumato con nuvole grigie. L’intera superfice appare totalmente ricoperta da ricca doratura, in oro matto, oro lucido e  oro in rilievo, lavoro che potremmo ipotizzare eseguito dal doratore Salvatore de Mauro antico artefice della Real Fabbrica Ferdinandea e stretto collaboratore di Raffaele Giovine. Il retro del vaso con il ritratto di Francesco è decorato con le armi dei Borbone, mentre il vaso con il ritratto di Maria Isabella porta gli stemmi affiancati dei Borbone Napoli e Spagna. Sul retro sono riportati anche i monogrammi della coppia reale e di ciascun figlio.

Dai documenti di archivio sappiamo che Francesco I regnante, sua moglie Maria Isabella era solita commissionare a Raffaele Giovine oggetti di arredo con i ritratti dei figli da regalare al marito, grande estimatore di Giovine, in occasione dei suoi anniversari. Questa consuetudine era stata instaurata a corte proprio da Francesco I, ancora principe ereditario, per commemorare il giorno di San Ferdinando con regali dal profondo significato simbolico ordinati espressamente per Ferdinando I (già IV), spesso esplicati da scritte o filastrocche affettuose dipinte sul retro di  vasi o disposte intorno a vedute dipinte sui plateau dei servizi di tazze ancora oggi visibili nel Palazzo di Capodimonte. Morto Ferdinando ci risulta che Maria Isabella abbia continuato questa tradizione e a testimonianza vogliamo ricordare l’importante Alzata-Carillon del Museo di Capodimonte, che dagli inventari redatti nel 1831 dopo la morte di Francesco I risulta conservata nelle sue stanze private nello “Stipo n. 21” su cui sono riprodotti i medesimi prototipi di ritratti, e dipinti da medesima mano. Esaminando lo stesso inventario individuiamo un’altra coppia di anfore con anse a colonnetta appartenuta a Francesco I e oggi conservata nella Reggia di Caserta (H. cm. 71 quindi molto simile alla nostra) decorata con i ritratti di entrambi i reali e di dieci dei loro dodici figli. Grazie alla nota del compilatore sappiamo che queste miniature sono state eseguite da Giovanni Varriale, un artista che conosciamo solo in quanto premiato alla Esposizione di Belle Arti proprio per questo lavoro. Secondo la prassi le commesse reali seguivano un iter ben preciso: la Regina inoltrava la sua richiesta al Capo della Real Tappezzeria che a sua volta passava l’ordine all’architetto di corte –in quegli anni erano Antonio Niccolini e Bianchi –i quali secondo i desiderata si rivolgevano all’artista più adatto e ne controllavano l’esecuzione, nel caso specifico vasi o altri oggetti di porcellana. A questo punto interveniva quasi sempre Raffaele Giovine che oltre ad essere il miglior miniaturista era anche un abile imprenditore e “Incaricato degli Argenti di S.M. Il Re delle due Sicilie” come usava scrivere sul suo biglietto da visita, il vero Marchand Mercier napoletano, che riuniva e gestiva i migliori pittori, falegnami e bronzisti locali. Il suo controllo era così attento che esaminando le miniature firmate dai suoi collaboratori, i vari Francesco Landolfi, Giuseppe Morghen, Marsigli, Giuseppe Selvaggi, Sebastiano Cipolla e il “professore” Sacco, non siamo in grado di notare le differenze di mano [1]. 


Vaso con Francesco I

Il Re è ritratto secondo un prototipo eseguito quasi costantemente sia da Giovine che dai suoi stretti collaboratori, con la divisa borbonica e le più importanti onorificenze del Regno fra le quali sono riconoscibili il Toson d’oro, la placca dell’Ordine Costantiniano e le insegne di San Giorgio e di San Gennaro. Sul collo del vaso è stato inserito il ritratto della figlia Maria Carolina (1798-1870) nata dal suo primo matrimonio con Maria Clementina  d’Asburgo nota per le sue nozze con Carlo di Borbone Artois, Duca di Berry. A seguito delle vicende politiche, rientrata a Napoli si risposerà con Ettore Lucchesi Palli, principe di Campofranco.

Nella parte centrale del vaso, ai quattro angoli intorno al ritratto di Francesco I, procedendo in senso orario troviamo:

Carlo, Principe di Capua (1811-1862) il giovane Borbone più simile caratterialmente alla madre, che innamoratosi della turista inglese Penelope Smyth non esita a sottrarsi ai dictat del rigoroso fratello Ferdinando II e fugge all’estero pur di sposarsi. Il re non lo perdonerà mai, gli leverà ogni appannaggio e la coppia vivrà in grandi ristrettezze, nonostante i ripetuti tentativi di riconciliazione avviati dalla madre Maria Isabella.

La miniatura del secondo medaglione contiene il ritratto di Antonietta (1814-1898) che sposerà il Granduca di Toscana consolidando ancora un volta con un altro matrimonio i legami più volte rinnovati fra i cugini Asburgo e Borbone.

Nel terzo medaglione troviamo il più piccolo Antonio conte di Lecce (1816-1843) vestito ancora con abiti borghesi ma con le tre onorificenze di casa Borbone. Intemperante e privo di moralità morì giovane a seguito di un violento pestaggio subito per essersi introdotto non desiderato in casa di una donna, “incidente” che la corte cercò di occultare dichiarandolo deceduto a seguito di un violento attacco tifoideo.

In fine nel quarto medaglione troviamo effigiata Cristina (1806-1878) che divenendo la quarta moglie di Ferdinando VII di Spagna alla morte del marito, avendo egli abrogato la legge salica per nominare sua erede la figlia Isabella di appena tre anni, come Reggente si troverà al centro della violenta lotta civile carlista.


Vaso con Maria Isabella

La regina è ripresa frontalmente secondo il prototipo più volte ripetuto nelle miniature su porcellana con appuntata sulla spalla sinistra la Croce Stellata Austriaca, la decorazione femminile che spettava alle componenti della famiglia reale di Napoli.

Al posto d’onore sul collo del vaso troviamo il Principe Ereditario, futuro re Ferdinando II (1810-1859). Indubbiamente il più dotato fra i figli di Francesco I, molto amato dal padre che divenuto re nel 1825 ancora vivente non esitò a conferirgli i più importanti incarichi soprattutto militari. Ferdinando II sposa in prime nozze Maria Cristina di Savoia da cui ebbe il figlio Francesco, lo sfortunato re travolto dall’armata garibaldina costretto ad abdicare durante l’assedio di Gaeta. In seconde nozze sposerà Maria Teresa d’Asburgo, matrimonio rallegrato da numerosa prole.

Come nel vaso precedente ai quattro lati del ritratto di Maria Isabella in senso orario troviamo:

Leopoldo conte di Siracusa (1813-1860), il più interessante ed estroso fra i figli di Francesco I, a detta degli storici di bella presenza, esuberante e con notevole carisma sul popolo e –sembrerebbe- inviato dal fratello Ferdinando II in Sicilia per una latente gelosia. Per la stessa ragione temendo che con la sua magnetica presenza la Sicilia potesse sollevarsi per ottenere la sempre desiderata autonomia, lo richiama a Napoli negandogli ogni incarico pubblico. Ma il brillante Leopoldo approfitta della sua prigione dorata per dedicarsi con notevole successo alla scultura e alla mondanità. Sposò Maria Vittoria Filiberta di Savoia Carignano.

La seconda miniatura è dedicata a Carolina (1820-1861) che sposerà l'Infante Carlo Luigi di Borbone-Spagna, Conte di Montemolin mentre nella terza è ritratta Teresina (1822-1889) la triste principessa che sposando l’Imperatore del Brasile Pietro II, affrontò con decoro il suo ruolo di moglie poco amata.

Nell’ultimo medaglione è riprodotta l’effige di Amalia (1816-1832) che perpetuando la prassi familiare sposerà un cugino, l’Infante di Spagna Sebastiano Gabriele.

Angela Caròla-Perrotti

[1] Per le porcellane con ritratti di casa Borbone oggi nel Museo di Capodimonte cfr. A. Caròla-Perrotti, Le Porcellana napoletane dell’Ottocento, Grimaldi ed., Napoli 1990, in particolare il capitolo I decoratori di porcellane estere e le committenze reali tra il 1820 e il 1840.

Royal & Noble

|
倫敦