14

拍品詳情

現代及當代藝術

|
米蘭

Fausto Melotti
1901 - 1986
LA DANZA DELLA SPOSA
BRASS AND PAINTED FABRIC. EXECUTED IN 1979.
ottone, tulle e tessuto dipinto
cm 117,9x41,9x25,9
Eseguito nel 1979
參閱狀況報告 參閱狀況報告

來源

Collezione privata, Madrid

展覽

La Chaux-de-Fonds, Musée des Beaux-Arts; Zurigo, Galerie Lopes AG, Fausto Melotti, 1981, n. 3, illustrato
Venezia, Palazzo Fortuny, Fausto Melotti, 1990, p. 165, n. 58, illustrato
Lugano, Museo Cantonale d’Arte, Fausto Melotti Opere 1934-1984, 1990, n. 58, illustrato a colori
Montemarcello, La Marrana, Il gioco di Melotti, 1996, n. 13, illustrato
Bruxelles, Gladstone Gallery, Fausto Melotti, 2008-2009
Madrid, Galería Elvira González, Fausto Melotti, 2014-2015, pp. 47, 67, n. 24, illustrato a colori, p. 121

出版

Enzo Di Martino, Melotti. O "Dell’Incoerenza Plastica", in "Marco Polo", n. 75, Venezia 1990, p. 58, illustrato a colori
Germano Celant, Melotti. Catalogo generale, Tomo II. Sculture 1973-1986 e Bassorilievi, Milano 1994, p. 504, n.1979 6, illustrato a piena pagina

相關資料

 “…danzate insieme e siate felici, ma fate in modo che ognuno di voi sia anche solo, come sono le corde di un liuto, sebbene vibrino alla stessa musica.”
Con queste parole Kahlil Gibran racconta il danzare. Quest’opera di Melotti presenta una molteplicità di materiali, pervenutaci in ottime condizioni grazie alla durevolezza degli stessi che la rendono totem  dall’aspetto inalterabile, proprio per questo  “La danza della sposa” non è in alcun modo stata segnata dallo scorrere dei suoi trentanove anni.  Come la poesia non è paragonabile alla prosa così anche la danza è un qualcosa in più del semplice camminare. La danza è espressione, forma, dinamicità.  Quest’opera ne è la piena esaltazione. Il movimento è parte preponderante di questa scultura, lo contraddistingue; potremmo dire che è esso stesso l’eterno perpetuarsi di un’azione.  Musica, storia e movimento, come già ampiamente dimostrato nella mostra del 2017 'Fausto Melotti, Quando la musica diventa scultura', a San Secondo di Pinerolo, sono i cardini della filosofia artistica di Fausto Melotti che si convertono in strutture enigmatiche e più vicine a un Oltre che alla tangibilità della concretezza terrena.  Le ultime esposizioni dell’artista hanno contribuito a inserire con una forza rinnovata questo importante nome del 900 tra i nomi più accattivanti per i collezionisti, definendone il ruolo nello scenario scultoreo italiano.  Ma chi è questa sposa, qual è il suo futuro? Questo Melotti non lo rivela ma, il titolo esprime l’essere “in potenza” dell’opera. La sposa va incontro a un destino ignoto, inarrestabile, ma trasportata dal ritmo non può interrompersi, deve andare andare avanti; dopo tutto è il significato stesso dell’etimologia di danza, che nel latino deantiare vede la sua accezione di continuo slancio.

“…dance together and be joyous, but let each one of you be alone,
Even as the strings of a lute are alone though they quiver with the same music.”

With these words Kahlil Gibran ruminates on dance. This sculpture by Melotti demonstrates a multiplicity of materiality which has remained in excellent conditions due to their durability which renders them symbolic of permanence. For this reason La danza della sposa has not been marked by the passage of nearly forty years.  Just as poetry is not comparable to prose, so is dance a complete departure from the act of walking. Dance is expression, form, dynamicity. This work is an exultation of this movement, which is in turn a fundamental element of the work, distinguishing it. Moreover, this movement is constantly perpetuating. As amply explored in the 2017 exhibition, Fausto Melotti. When music becomes sculpture, in San Secondo di Pinerolo, music, history and movement, are the axes around which the artistic philosophy of Fausto Melotti revolves. They become enigmatic structures travelling towards something beyond the tangibility of the earthly reality. The latest exhibitions of the artist’s work have served to establish the artist’s name among the most important 20th Century artists who most attract collectors, consolidating his role in the Italian sculptural scene. But who is this bride, and what is her future? Melotti leaves this up to our imagination but the title reveals the powerful potential of the work. The bride is heading towards an unknown destiny, which is unstoppable, she must go onwards; after all, this is the etymology of the word ‘dance’ since the Latin root ‘deantiare’ means to move forward.

現代及當代藝術

|
米蘭