Lot 36
  • 36

HANS HARTUNG | T1962-E31

Estimate
200,000 - 300,000 EUR
Sold
bidding is closed

Description

  • Hans Hartung
  • T1962-E31
  • firmato e datato 62; intitolato sul telaio
  • olio su tela
  • cm 95x250

Exhibited

Monaco, Galerie Gunther Franke, Hans Hartung, 1963
Saint-Paul de Vence, Fondation Maeght, Hartung - Grands formats, 1971

Catalogue Note

Ciò che Hans Hartung ha conseguito in più di 40 anni di ricerca artistica forse resterà inarrivabile per molti. Tra i principali esponenti dell’Astrazione Lirica, Hartung non ha mai smesso di sperimentare e stupire in ogni decennio della sua carriera. Gli anni Sessanta, periodo in cui è stata realizzata quest’opera, si caratterizzano per i fondi scuri su cui galleggiano forme e segni gestuali che nascono dall’uso di strumenti quotidiani, quali spazzole, rami e rastrelli.
“Scarabocchiare, grattare, agire sulla tela, dipingere infine, mi sembrano delle attività umane così immediate, spontanee e semplici come lo possono essere il canto, la danza o il gioco di un animale che corre, scalpita o si scrolla” Hans Hartung in Autoritratto, 1976.

What Hans Hartung has achieved in more than 40 years of artistic research will perhaps remain unattainable for many. Among the main exponents of the Lyrical Abstraction, Hartung has never ceased to experiment and amaze in every decade of his career. The Sixties, the period in which this work was created, are characterized by dark backgrounds on which gestural shapes and signs float, arising from the use of everyday tools, such as brushes, branches and rakes.
"Scribbling, scratching, acting on the canvas, painting at last, seem to me human activities so immediate, spontaneous and simple as can be a song, a dance or the game of an animal that runs, paws or shakes."



L'opera è registrata presso la Fondation Hartung Bergman, Antibes, e verrà inclusa nel prossimo catalogo ragionato di Hans Hartung
Close