135
135
Ghisi, Giorgio
MICHAEL ANGELUS BONAROTA TUSCORUM FLOS… ALTER INVENTOR FACIEBAT. ROMA : GIOVANNI GIACOMO DE ROSSI, [1677]
Estimate
2,0003,000
LOT SOLD. 6,250 EUR
JUMP TO LOT
135
Ghisi, Giorgio
MICHAEL ANGELUS BONAROTA TUSCORUM FLOS… ALTER INVENTOR FACIEBAT. ROMA : GIOVANNI GIACOMO DE ROSSI, [1677]
Estimate
2,0003,000
LOT SOLD. 6,250 EUR
JUMP TO LOT

Details & Cataloguing

Roma. La Biblioteca Sergio Rossetti

|
Milan

Ghisi, Giorgio
MICHAEL ANGELUS BONAROTA TUSCORUM FLOS… ALTER INVENTOR FACIEBAT. ROMA : GIOVANNI GIACOMO DE ROSSI, [1677]
Folio grande (485x604 mm.), 12 tavole incise di cui 10 di forma irregolare e a doppia pagina comprensive della prima tavola che funge da frontespizio e dalla seconda non numerata, tavole numerate A-I, L, legatura in mezza pelle coeva con tassello in pelle sul dorso con incisioni e fregi oro, carte ben conservate, lievi bruniture in particolare sulle prime e sulle ultime tavole, bordi della legatura leggermente rovinati, macchia modesta sulla tavola F
Read Condition Report Read Condition Report

Literature

Rossetti 7036; Berlin Katalog 4079

Catalogue Note

Splendida raccolta di tavole incise che raffigurano il Giudizio Universale di Michelangelo affrescato nella Cappella Sistina. Il titolo della raccolta, non avendo frontespizio, è stato preso dalla didascalia della prima tavola con ritratto di Michelangelo, al di sotto del quale si trova la sigla GMF (Georgius Mantuanus Fecit) di Giorgio Ghisi, incisore delle tavole, il cui nome si ritrova sul margine inferiore dell’ultima tavola L. Le tavole furono ripubblicate in quest’edizione da rami già esistenti (esistono almeno 5 stati di quest’opera difficilmente individuabili): la pubblicazione consiste nella ristampa delle tavole che Ghisi incise, su disegni di Marcello Venusti, probabilmente già intorno al 1544. La stampa delle tavole originali è stata eseguita su una versione precoce dell’affresco poiché mancano nelle tavole diverse dettagli e modifiche apportate in un secondo momento (per esempio i drappi eseguiti da Daniele da Volterra per coprire i nudi). Il ritratto di Michelangelo a inizio volume, in origine forse opera completamente indipendente, fu probabilmente inciso poco dopo la morte del Maestro; la tavola ad esso affrontata, firmata Sebastiano Furck, riporta una complessiva veduta dell’intero affresco.

Roma. La Biblioteca Sergio Rossetti

|
Milan