38
38
Enrico Castellani
SUPERFICIE BLU
SIGNED, INSCRIBED AND DATED 1995 ON THE REVERSE, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS. THIS WORK IS REGISTERED IN FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI UNDER N. 95-018.
JUMP TO LOT
38
Enrico Castellani
SUPERFICIE BLU
SIGNED, INSCRIBED AND DATED 1995 ON THE REVERSE, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS. THIS WORK IS REGISTERED IN FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI UNDER N. 95-018.
JUMP TO LOT

Details & Cataloguing

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan

Enrico Castellani
1930 - 2017
SUPERFICIE BLU
SIGNED, INSCRIBED AND DATED 1995 ON THE REVERSE, ACRYLIC ON SHAPED CANVAS. THIS WORK IS REGISTERED IN FONDAZIONE ENRICO CASTELLANI UNDER N. 95-018.
firmato, intitolato e datato 1995 sul retro
acrilico su tela estroflessa
cm 100x100
Read Condition Report Read Condition Report

Opera registrata presso la Fondazione Enrico Castellani, Milano, con il n. 95-018

Provenance

Plinio De Martiis e Netta Vespignani, Roma
Collezione privata, Roma
Asta Sotheby's, Milano, 26 novembre 2013, lotto 25
Ivi acquistato dall'attuale proprietario

Literature

Renata Wirz con Federico Sardella, Enrico Castellani. Catalogo ragionato. Tomo II. Opere 1955-2005, Torino 2012, pag. 464, n. 530, illustrato

Catalogue Note

“Il solo criterio compositivo delle nostre opere sarà quello (…) che attraverso il possesso delle entità elementari, linea, ritmo, indefinitamente ripetibile, superficie monocroma, sia necessario per dare alle opere stesse concretezza di infinito e possa subire la coniugazione del tempo, sola dimensione concepibile, metro e giustificazione della nostra esigenza spirituale.”
Enrico Castellani

Sorprendente è la nitida coerenza teorica ed etica dell’artista, che con un’essenziale e chirurgica sicurezza sembra  imprimere sul tessuto il suo statement.  La tela cela qualcosa che non è possibile inquadrare distintamente, ma che tange le fibre modificandole  alla sua pressione. Cosa vi è oltre il velo di Maya? Il moksha, la liberazione spirituale, una verità oscura ai più eppure così vicina. Le sue opere comunicano la consapevolezza di un oltre e di uno spazio riconquistato, di un colore che si rende luce ed ombra sa solo. Tutto parte da un colore e da un movimento, o meglio un ritmo, che come il Big Bang ha modificato il finito in infinito e il definito in molteplice.

"The only compositional criterion of our works will be that (...) through the possession of elementary entities - line, rhythm, indefinite repetition, monochromatic surface - it is necessary to give the works the same concreteness of infinity so that they can undergo the conjugation of time, the only conceivable dimension, and justification of our spiritual need."
Enrico Castellani

The clear theoretical and ethical coherence of the artist is surprising. With an essential and surgical security he seems to imprint his statement on to the fabric of the canvas. The canvas conceals something that is not possible to frame distinctly, but which bends the fibers by modifying them under its pressure. What is beyond the veil of Maya? Moksha, spiritual liberation, a dark truth so close we could touch it. His works communicate the awareness of a beyond and of a reconquered space, of a color that becomes light and shadow. Everything starts from a color and a movement, or rather a rhythm, which like the Big Bang has changed the finite into infinity.

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan