2
2
Fausto Melotti
LA CONTESTAZIONE
BRASS. EXECUTED IN 1968.
JUMP TO LOT
2
Fausto Melotti
LA CONTESTAZIONE
BRASS. EXECUTED IN 1968.
JUMP TO LOT

Details & Cataloguing

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan

Fausto Melotti
1901 - 1986
LA CONTESTAZIONE
BRASS. EXECUTED IN 1968.

Provenance

Galleria Malborough, Roma
Collezione Orsatti, Verona
Galleria d'Arte Niccoli, Parma
Galleria Martano, Torino
Collezione privata, Torino

Exhibited

Torino, Galleria Civica d'Arte Moderna, Melotti, 1972, p. 27, n. 40, tav. 31, illustrato
Parma, Università di Parma, Sala delle Scuderie in Pilotta, Fausto Melotti, 1976, p. 194, tav. 166, illustrato

Literature

Umberto Allemandi e Maurizio Fagiolo dell'Arco, Immaginate Klee scultore in "Bolaffi Arte", anno III, n. 19, Torino 1972, p. 58, illustrato
Germano Celant, Melotti, Catalogo generale, Tomo I, Sculture 1929-1972, Milano 1994, p. 199, n. 1968 7, illustrato

Catalogue Note

“Nel bel disegno la linea, come un’anima, palpita di indecisioni, di certezze, di voluti inganni”
Fausto Melotti in Linee

Le sculture metalliche, che ognuno istintivamente chiamerebbe immateriali, incarnano l’intera storia di Melotti. Si sviluppano su un piano invisibile e si arricchiscono di materiali disparati. La contestazione si distingue e spicca per il messaggio forte che rappresenta: il 'no' si erge  potente su una struttura sottile creando un contrasto tra forma e sostanza di grande ispirazione. NO è conosciuta anche con il nome di La contestazione e risale al 1968. Tali elementi non possono non farci pensare alle insurrezioni sessantottine di cui molti artisti hanno espresso le proprie posizioni, alcuni proprio utilizzando un 'no' categorico. Furono Mario Schifano che addirittura tinse di rosso la sua negazione, schierandosi in modo palese in un determinato ambiente politico, o ancora Mario Ceroli con i suoi legni intagliati dal grande impatto visivo. Fausto Melotti si inserisce in questo grande contesto, politico e sociale, a modo suo: la struttura esile, tipicamente e liricamente melottiana, accresce in potenza espressiva poiché veicolo di un messaggio socialmente riconosciuto. Dunque non siamo di fronte a un uso di lettere o parole dal gusto pop, che trasfigura i segni senza volergli attribuire un vero significato, ma in questo caso si tratta di un’opera parlante, un’opera rappresentativa di un periodo storico fondamentale per conoscere a fondo il nostro paese e la sua evoluzione.

The immaterial metallic sculptures, embody Melotti's entire oeuvre. They develop on an invisible plane and are enriched by a diverse materials. La contestazione stands out and stands out for the strong message it represents: the NO stands powerfully on a subtle structure, creating a contrast between form and substance of great inspiration. NO is also known by the name of La contestazione (The Dispute) and dates back to 1968. These elements cannot help but think about the insurrections of the 1980s when artists took up political positions, expressing a categorical 'no' to the status quo. Mario Schifano dyed his ‘No’ red, clearly inserting himself into a left-wing political environment, and Mario Ceroli’s executed his in wood. Fausto Melotti is part of this great political and social context, in his own way: the slight, typically lyrically melodic structure, increases in expressive power as the vehicle of a socially recognized message. This is no pop use of letters or words, which transfigures the signs without attributing real meaning, but rather it is a talking work, a work representative of a historical period that is fundamental to understanding Italy and its evolution.

Arte Moderna e Contemporanea

|
Milan