Lot 3
  • 3

Vincenzo Agnetti

Estimate
50,000 - 70,000 EUR
Sold
62,500 EUR
bidding is closed

Description

  • Vincenzo Agnetti
  • Assioma - Il punto d'arrivo è moltiplicato dalla frequenza che precede le linee di forza
  • firmato e datato 70 sul retro
  • bachelite nera incisa e vernice nitro

Provenance

Acquisito direttamente dall'artista negli anni Settanta
Collezione privata, Milano

Catalogue Note

Dal 1968 al 1974 Agnetti realizza lastre di bachelite incisa, trattata con colore ad acqua o nitro. Le definisce Assiomi anche se raramente lo sono, in quanto si tratta perlopiù di paradossi, contraddizioni o tautologie, sovente accostate a grafici, diagrammi o a simboli matematici. "Contraddizioni, paradossi, tautologie servono a portare il linguaggio al cortocircuito, a bloccarne il funzionamento per interrogarsi su esso", spiega l'artista. La bachelite, simile alla lavagna, sottolinea l'apparente intento didattico delle frasi ivi incise che simulano il linguaggio scientifico, ma che ne eliminano l'evidenza e l'inequivocabilità in favore di un'ambiguità polisemica.

From 1968 to 1974 Agnetti made sheets of inscribed bakelite, treated with watercolors or nitro dyes. He defined them as Axioms, even though they rarely are, since they are mainly paradoxes, tautolologies, often places alongside graphs, diagrams or mathematical symbols. "Contradictions, paradoxes, tautologies help to cause language to short-circuit, to stop it from working, so that we may question ourselves about it", the artist explains. The bakelite, visually similar to a blackboard, underlines the apparent didactic intent of the sentences inscribed there, simulating scientific language. However, the evidence is eliminated, they are called into discussion, as the artist brings out their polysemic ambiguity. 

Bruno Corà, Vincenzo Agnetti, Testimonianza, a cura di Ilaria Bernardi, Pistoia 2015, p. 32

Close