"Cowards,” I cried, turning towards the inhabitants of Paralysis who were heaped below us, an enormous mass of angry howitzers awaiting our future cannons. “Cowards! Cowards! Why all this howling like cats skinned alive? Are you afraid that we’ll set fire to your hovels?—Not yet! . . . After all, we’ll need something to keep warm with next winter! . . . For the moment we are content with blowing up all traditions, like rotten bridges!"
screamed Filippo Tommaso Marinetti in Uccidiamo il Chiaro di Luna! in 1909


"Vigliacchi," gridai, voltandomi verso gli abitanti di Paralisi, ammucchiati sotto di noi, massa enorme di obici irritati, già pronti per i nostri futuri cannoni. "Vigliacchi! Vigliacchi! Perché queste vostre strida di gatti scorticati vivi? Temete forse che appicchiamo il fuoco alle vostre catapecchie?—Non ancora!... Dovremo pur scaldarci nell’inverno prossimo!... Per ora, ci accontentiamo di far saltare in aria tutte le tradizioni, come ponti fradici!"
inveisce Filippo Tommaso Marinetti nel 1909 in Uccidiamo il Chiaro di Luna!