108
108
Emilio Longoni
LA VENDITRICE DI FRUTTA
Estimate
100,000150,000
LOT SOLD. 186,750 EUR
JUMP TO LOT
108
Emilio Longoni
LA VENDITRICE DI FRUTTA
Estimate
100,000150,000
LOT SOLD. 186,750 EUR
JUMP TO LOT

Details & Cataloguing

Dipinti Antichi, Dipinti del Secolo XIX, Libri Antichi, Arredi, Giade, Oggetti d'Arte e la Collezione del Marchese Nicola Santangelo

|
Milan

Emilio Longoni
(BARLASSINA DI SEVESO 1859 - MILANO 1932)
LA VENDITRICE DI FRUTTA
firmato in basso a sinistra E.Longoni
olio su tela
cm 154 x 91

eseguito nel 1891


Read Condition Report Read Condition Report

Provenance

Collezione Pietro Curletti, Milano, dal 1906;
Collezione Cornelia Zuccoli, Milano;
Collezione Consolandi, Milano

Exhibited

Milano, Famiglia Artistica Milanese, Esposizione Annuale Intima, 1891;
Milano, Castello Sforzesco, Esposizioni Riunite. Esposizione Triennale della R. Accademia di Brera, 1894, p. 56, n.809;
Milano, Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, Mostra Commemorativa di Emilio Longoni, 1935, n. 80;
Pavia, Castello Visconteo, Tranquillo Cremona e gli artisti lombardi del suo tempo, aprile - giugno 1938, XVI, p. 53 s.n.;
Milano, Palazzo della Permanente, La donna nell'arte da Hayez a Modigliani, 1953, p. 19, n. 60;
Milano, Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, Arte e Socialità in Italia. Dal realismo al simbolismo. 1865-1915, 8 giugno - 4 novembre 1979, n. 88, p. 137, illustrazione n. 86, p. 329;
Milano, Palazzo della Permanente, Mostra di Emilio Longoni (1859-1932), 24 febbraio - 4 aprile 1982, p. 61-62, n. 36, p. 247, illustrazione n. 40

Literature

Corriere artistico. L'esposizione alla "Famiglia Artistica", in "Corriere della Sera", a. XVI, n. 345, 16-17 dicembre 1891, p. 3;
Candidus, Rassegna d'arte. L'Esposizione di pittura II, in "L'Idea Liberale" 1894, a. III, n. 7, pp. 5-6;
E. Bronzini Majno, Solidarietà di Amici in nome dell'arte ideò questa pubblicazione in risposta a un verdetto che colpiva in EMILIO LONGONI la coscienza artistica collettiva, Milano dicembre 1903, p. 8;
E. Boari, L'arte di Emilio Longoni, in "Varietas", a. II, n. 20, Milano dicembre 1905, p. 571-573 (Fruttivendola);
S. Pagani, La pittura lombarda della Scapigliatura, Milano 1955, p. 519;
F. Bellonzi e T. Fiori, Archivi del Divisionismo, Roma, 1969, vol. II, VIII. 83, p. 133;
M. Monteverdi, Storia della pittura italiana dell'Ottocento, Milano 1975, vol. II, p. 91, illustrazione n. 987;
G. Ginex, Emilio Longoni, Milano 1995, p. 187, n. 123, illustrato in bianco e nero

Catalogue Note

reca etichetta sul fronte in basso a sinistra n. 60;
reca etichetta sul retro del telaio 1573 / Sorelle Zuccoli;
reca sul retro del telaio a matita blu n. ...35

Dopo gli iniziali saggi di stampo morelliano, la successiva comunanza di lavoro con Segantini e l'avvicinamento alle poetiche scapigliate, Longoni approda al divisionismo, di cui La venditrice di frutta, esposto all'annuale della Famiglia Artistica del 1891, è uno dei primi esempi nel corpus dell'artista. Siamo anche agli esordi nel campo della denuncia sociale, alla quale il pittore aderisce dopo il 1890.
Nella stessa esposizione l'artista presenta La Piscinina (fig. 1), che sebbene riceva migliore accoglienza da parte della critica grazie all'aspetto meno aggressivo del contenuto sociale, è tuttavia meno innovativo dal punto di vista tecnico, non presentando alcuna divisione del colore.
Dopo aver notato come il pittore in La venditrice di frutta "nulla concede all'aneddotica del 'grazioso' che fioriva all'epoca attorno al tema del lavoro infantile", Giovanna Ginex si sofferma sulla "tecnica pittorica sperimentale vicina al coevo Sole d'Inverno [...] caratterizzata dalla pennellata non descrittiva, quasi sommaria nella zona inferiore della tela, larga e materica, segnata da una personale ricerca sulla resa dei volumi per mezzo della luce 'cruda e forte' [...] che in questo caso porta l'artista a ridurre al minimo la gamma cromatica, tenuta sui toni delle terre e del giallo in particolare. Il riverbero accecante del sole colpisce in pieno la figura, grande al vero, e annulla la distanza prospettica tra i piani in un gioco di luce e di ombra di estrema modernità formale" (G. Ginex, op. cit. 1995, pp. 174 e 187).

Dipinti Antichi, Dipinti del Secolo XIX, Libri Antichi, Arredi, Giade, Oggetti d'Arte e la Collezione del Marchese Nicola Santangelo

|
Milan